Utilizziamo i cookie per migliorare la vostra esperienza sul nostro sito. Navigando questo sito, l'utente accetta di utilizzare i cookie. Accetto?

Skin ADV

Quella volta che Chopin mi ha fatto pensare alla pasta col gelato…

 Corrado Assenza, Kitchen Aid

Avete presente un dolce sapido o un piatto salato zuccherino? Ecco, scegliete l’abbinamento che più vi ispira, perché proprio di quello vi voglio parlare. Un’esplosione di sapori: mandorla e limone, riso e amarene, gambero e miele. Forse solo lo chef (o pasticciere?) Corrado Assenza poteva arrivarci.

Oltre ad essere appassionato di cucina, amo la musica; e soprattutto non credo nella casualità. Qualche giorno fa passeggiavo per Venezia quando, nelle mie cuffiette, esplode un’opera di Chopin (per i più curiosi il Notturno in Mi bemolle maggiore Op. 9 n°2): tac! Ma certo! Così come Chopin gioca con lo spartito, ridisegna la matematica della battuta, ci scherza, rende i suoi confini evanescenti, anche Assenza ripensa (con la scienza del cuoco d’altri tempi, non con l’arroganza forse troppo presente di tanti “chef” 3.0) i confini tra dolce e salato.

Pasta col gelato di Corrado Assenza

Come nel caso della pasta col gelato. Un impasto di acqua, miele e zafferano; un tagliolino servito su un’emulsione di mandorle, acqua, miele e olio EVO, accompagnato con amarene selvagge sciroppate raccolte sui fianchi dell’Etna, un gelato di latte di capra e una crema di doppio fiordilatte montata al limone (limone rigorosamente qualità “Femminello” siracusano…top!)

Corrado Assenza, gamberi. miele
Per non parlare dello “Sbuffo di acqua salata che arriva sulla terra”. Ermetico quanto il miglior Montale, Assenza presenta un riso nero Venere mantecato con un’emulsione di mandorla e accompagnato da due eccellenze marine: lattuga di mare e gamberone di Mazara del Vallo crudo e marinato in un “mielarò”, un miele aromatizzato (per l’occasione con arancio, limone e zafferano).
Sono stati due assaggi sconfinati, nel vero senso della parola; una confusione di sapori che lascia senza parole, ma non per la mancanza di giudizio, quanto per la ricchezza di gusto e la bellezza di ciò che si vorrebbe comunicare.
Proprio come dopo l’ascolto di un Notturno di Chopin.

Read 1708 times Last modified on Mercoledì, 21 Dicembre 2016 13:58

Leave a comment

Make sure you enter all the required information, indicated by an asterisk (*). HTML code is not allowed.

Blogs & Bloggers

Simonetta Nepi e Maurizio PelliItalian Cuisine:
la nostra cucina
nel mondo

Simonetta Nepi
& Maurizio Pelli

L'Italian cuisine, ovvero il nostro migliore ambasciatore nel mondo: l'autentica cucina italiana, raccontata da chi la fa e che ogni giorno si prodiga per sconfiggere la pizza al ketchup e altri mostri. >>

Sergio AnastasiaLo psicologo
nel piatto

Sergio Anastasia
Psicoamante della buona tavola. Mi dedico alla cucina come un'occasione per recuperare dalla memoria ciò che di buono c’è nella vita. Perché sono fiducioso che nella vita ci sia sempre qualcosa di buono. Basta aver curiosità, passione e voglia di riscoprirsi.>> 

Luca Perego (Lucake)The Naked Cake - La torta a nudo (tutti i segreti
per dolci perfetti)

Luca Perego

Pasticciere per lavoro e per passione. Attraverso le mie ricette e i miei scatti voglio condividere il mio amore per i dolci, che sono diventati per me uno stile di vita. >>

Annalena de BortoliCucina
senza frontiere

Annalena de Bortoli
Viaggio nella storia e nella geografia del cibo con curiosità e rispetto sempre crescenti. Incontra A Tavola culture diverse per luoghi e tempi e non se ne sazia mai. Tramite gesti, sapori, oggetti impara il cuore dei cibi, che rivela quello delle persone.  >>

Anastasia GrimaldiCibology,
la scienza di ciò
che mangiamo

Anastasia Grimaldi
Perché essere consapevoli del nostro modo di cibarci è il primo passo per perseguire il benessere e rimanere in salute.  >>