Utilizziamo i cookie per migliorare la vostra esperienza sul nostro sito. Navigando questo sito, l'utente accetta di utilizzare i cookie. Accetto?

Viaggio in Germania: così ho scoperto sapori iraniani


Succede quasi ogni giorno di scontrarsi contro pregiudizi e stereotipi. Sono quelle frasi fatte che hanno lo stesso effetto di una passeggiata in pantaloncini corti in mezzo ad un cespuglio di ortiche.
Uno di questi stereotipi riguarda la cucina tedesca, e recita più o meno così: “Ma cosa vuoi che ne capiscano quelli di cucina! Mangiano solo würstel e crauti!” Un tempo forse…ma anche su questo ho molti dubbi.
Sì perché durate i miei ultimi viaggi in Germania, dove ritrovo parenti ormai emigrati da anni, ho avuto la fortuna di respirare le nuove tendenze in fatto di gastronomia tedesca; e sono movimenti che aprono la mente (oltre che le papille gustative).
Ed è così che ho assaporato la contaminazione tra profumi, sapori e culture. Si parla spesso di un’Europa chiusa in se stessa su molti fronti; forse la gastronomia potrebbe insegnare qualcosa a riguardo.
Ho conosciuto Ali Ghawami, proprietario di Rays, ristorante che regala, tra l’altro, tramonti sul Duomo di Speyer (patrimonio dell’umanità UNESCO e cittadina incantevole adagiata sulle rive del Reno).


germania, Rays, ristorante Rays, cucina iraniana, Ali Ghawami,

germania, Rays, ristorante Rays, cucina iraniana, Ali Ghawami,

Iraniano, ha potuto donare ricchezza mischiando una cucina abbondante di carne, selvaggina e verdure con profumi e spezie che solo i popoli orientali possono regalare.

zuppa di marroni,  prosciutto croccante,

Dalla zuppa di marroni servita con prosciutto croccante al piatto terra e mare con filetto di manzo e gamberoni su letto di crema di zucca, patate e funghi;

dalla coda di rospo servita su risotto allo zafferano (da milanese posso dire: ottimo risotto!)

alla coscia d’oca con cavolo rosso aromatizzato alla cannella, l’arcobaleno di emozioni mi ha lasciato senza parole.

Ciò che mi porto a casa da queste esperienze è l’amore crescente per i prodotti. Un amore che le contaminazioni accrescono a dismisura. La capacità di questi pionieri dei nuovi sapori è anche questa: ri-valorizzare prodotti secolari, dar loro nuova vita e, di conseguenza, far innamorare della semplicità (pur nella complessità di una ricetta vista e rivista secondo nuovi abbinamenti) dei prodotti a nostra disposizione.

Come dice il maestro Gualtiero Marchesi: “avete presente quante vite può avere un arrosto? Basta un profumo a cambiarne la sorte”.

 

Read 891 times Last modified on Giovedì, 12 Gennaio 2017 15:31

Leave a comment

Make sure you enter all the required information, indicated by an asterisk (*). HTML code is not allowed.

Blogs & Bloggers

Alessandra Gennaro

Una ex ragazza, con delle idee. >>
 
 

Michela Bramati
Scopre d'essere celiaca e impara a conoscere il cibo. Terapista alimentare, ama mangiare naturalmente gluten free. >>

 

Luca Perego (Lucake)Luca Perego
Pasticciere per lavoro e per passione. Attraverso le mie ricette e i miei scatti voglio condividere il mio amore per i dolci, che sono diventati per me uno stile di vita. >>

 

Simonetta Nepi e Maurizio PelliSimonetta Nepi & Maurizio Pelli

L'Italian cuisine, ovvero il nostro migliore ambasciatore nel mondo: l'autentica cucina italiana, raccontata da chi la fa e che ogni giorno si prodiga per sconfiggere la pizza al ketchup e altri mostri. >>

Simone Matrisciano

Le sfumature della cucina italiana raccontate con sana ironia, tra originalità e moda, riverenza e irriverenza: tra bianco e nero >>

 

Sergio AnastasiaSergio Anastasia

Psicoamante della buona tavola. Mi dedico alla cucina come un'occasione per recuperare dalla memoria ciò che di buono c’è nella vita. Perché sono fiducioso che nella vita ci sia sempre qualcosa di buono. Basta aver curiosità, passione e voglia di riscoprirsi.>>