Utilizziamo i cookie per migliorare la vostra esperienza sul nostro sito. Navigando questo sito, l'utente accetta di utilizzare i cookie. Accetto?

Il ritorno dello storione

storione sottolio

Dalle tavole dei grandi chef al vasetto per l'uso (quasi) quotidiano

Era un tempo endemico del fiume Po e dei grandi corsi d'acqua italiani, poi dagli anni Cinquanta si è assistito alla rapida scomparsa in natura di questo gigante preistorico. In A Tavola di gennaio 2017 ci siamo occupati del mitico Caviale ferrarese e della produzione in Italia dell'Acipenser Naccarii, la specie italiana recuperata da Agroittica Group che da qui ha tratto il caviale di Leonardo. Il 2017 ha visto una riscossa dello storione, non solo per la produzione del caviale, quanto per l'utilizzo delle sue carni sia ad opera dei grandi chef sia sulla tavola quotidiana. Nel primo weekend di settembre all’Ambasciata del Gusto di Abbiategrasso, l’iniziativa culturale promossa dell’Associazione Maestro Martino presieduta dallo chef Carlo Cracco, è stato protagonista il pesce del Ticino e tra questo, in particolare, lo storione. Un mese dopo - e precisamente il 12 ottobre - lo storione è protagonista di un intero menu dello chef Marco Sacco nelle cene per il Movimento Gente di Lago che hanno l'obiettivo di rilanciare la cultura del pesce.

Lo storione è anche al centro di una nuova proposta firmata da Agroittica con il marchio Cavalier Caviar Club:  lo storione sott'olio. I filetti di storione bianco - da animali allevati nelle vasche di Calvisano - sono cotti a vapore, invasettati e proposti in tre ricette ovvero tradizionale in olio extravergine d’oliva, al peperoncino e con capperi e alloro. I vantaggi di un consumo di storione risiedono anche nel contenuto nutrizionale: "presenta - spiegano dall'azienda produttrice - un buon profilo vitaminico e minerale, un ottimo contenuto proteico (17%) , un modesto contenuto di grassi (circa il 6%) e contiene EPA e DHA, i più preziosi tra gli acidi grassi Omega-3". Un tempo pesce dei re e dei grandi banchetti, oggi è un lusso accessibile: 7,90 euro a vasetto il prezzo consigliato. 

Notizie - Le più recenti