Utilizziamo i cookie per migliorare la vostra esperienza sul nostro sito. Navigando questo sito, l'utente accetta di utilizzare i cookie. Accetto?

Carne: pro e contro con alcuni dubbi sulla' OMS

I numeri spesso aiutano a farsi strada nella nebbia; ma a volte non è così. Quelli emersi da una ricerca presentata durante il Workshop organizzato da Sprim Academy in occasione del ciclo di incontri “Nutrizione e Salute” e incentrati sul tema “carne e tumori”, complicano il quadro.

Se è vero che negli ultimi anni il 33,3% degli italiani dichiara di aver diminuito il proprio consumo di carne, è altrettanto vero che l’82% degli intervistati vede questo alimento ancora come fondamentale per la proprio dieta.

Ma riavvolgiamo un po’ il nastro. Alla fine di ottobre i principali mezzi d’informazione hanno riportato la notizia secondo cui lo IARC – l’Agenzia internazionale per la ricerca sul cancro dell’Organizzazione Mondiale della Sanità – ha diffuso una nuova classificazione riguardante la carne rossa fresca e quelle lavorate (come i salumi): le carni lavorate sono state inserite nel gruppo delle sostanze “sicuramente cancerogene per l’uomo” mentre le carni rosse fresche (manzo, vitello, maiale, agnello, montone, cavallo, capra) risultano “probabilmente cancerogene per l’uomo”.

A seguito dell’annuncio, il 19,2% delle persone ha deciso di eliminare completamente dalla dieta salumi & co. (il 6,7% riserva lo stesso trattamento alle carni rosse fresche), mentre il 32,9% dichiara di consumare ancora carni lavorate ma con moderazione (il 50,9% dichiara lo stesso per le carni fresche).

Dunque: carne o non carne? Questo il dilemma! I pro e i contro sono molti. La carne rossa è fonte di proteine, ferro, vitamina B12, vitamina B6, e altre sostanze fondamentali per le corrette funzioni del corpo umano; d’altra parte è scientificamente provato che un consumo eccessivo (soprattutto di salumi) comporta un aumento del rischio di cancro allo stomaco e del colon-retto.

A complicare il quadro, c’è da dire che molti studi non prendono in considerazione sostanze presenti proprio nella carne che apportano benefici alla salute umana: su tutti il coenzima Q10 (utile nella prevenzione da malattie cardiache, ipertensione e danni alle ossa), taurina (sostanza utilizzata anche per produrre bevande energetiche), carnosina (utile contro l’invecchiamento della pelle e le infiammazioni).

Infine un appunto necessario sull’Organizzazione Mondiale della Sanità. Fonti autorevoli addensano nubi sull’operato dell’OMS; per esempio il professor Eduardo Missoni, esperto di strategie globali per la salute dell’Università Bocconi, afferma: “l’OMS è stata progressivamente indebolita dall’avvento di nuovi attori, e dal contestuale abbandono da parte dei suoi soci, i 193 Paesi fondatori. È stata così costretta a concedersi ad organizzazione alternative, perdendo la capacità di essere il punto di riferimento sulle priorità di salute pubblica mondiale. La forte necessità di reperire finanziamenti ha portato la più importante organizzazione delle Nazioni Unite a scendere  compromessi e a negoziare l’agenda delle priorità”.

Insomma, tra ricerche e numeri pubblicati a favore del consumo di carne e altrettante sostenute da organizzazioni sulle quali aleggiano dubbi e spirano venti di tempesta, chiudiamo con una citazione del libro di Jack London “Storie di pugili”: “Tom King aveva fame. Non erano i soliti morsi, era una specie di profonda debolezza, una palpitazione alla bocca dello stomaco che si trasmetteva a tutto il corpo. Ricordò il momento dell'incontro in cui aveva condotto Sandel sull'orlo del crollo. Con quella bistecca ce l'avrebbe fatta! Gli era mancato solo quello per il colpo decisivo, ed era stato sconfitto. Tutta colpa di quella bistecca”.

Leave a comment

Make sure you enter all the required information, indicated by an asterisk (*). HTML code is not allowed.

Salute - I più recenti

  • Centrifugati e frullati: ecco i loro benefici per la stagione invernale
    Centrifugati e frullati: ecco i loro benefici per la stagione invernale

    Centrifugati e frullati con verdure e frutta di stagione: un toccasana per la nostra salute tra gli sbalzi di temperatura autunnali e i freddi pomeriggi d’inverno. Anche una rassegna importante come Milano Golosaria 2016 se n’è accorta; ed è per questo che è stato dedicato un laboratorio a questi prodotti, semplici e genuini, che possono aiutarci contro i malanni di stagione sempre dietro l’angolo. Anche con qualche curiosità e novità per il palato.
    La chef Teresa Biotti ha presentato tre ricette molto semplici: due centrifugati e un frullato. Vediamoli uno per uno.

    Read more...
  • Le merendine portano al sovrappeso: un mito da sfatare
    Le merendine portano al sovrappeso: un mito da sfatare

    Si mangiano più merendine nel nord Italia, area con la più bassa percentuale di bambini sovrappeso. Si mangiano meno merendine nel sud Italia, regione con la più alta percentuale di obesità infantile.
    Che si tratti di un paradosso è solo un’apparenza. Basta infatti incrociare i dati di due ricerche condotte nel 2014 per capire che la piaga dell’obesità è un problema complesso e non associato al consumo di merendine; infatti stile di vita e abitudini sportive influenzano molto la salute dei nostri figli

    Read more...
  • Cosa mangiare prima, durante e dopo una gravidanza
    Cosa mangiare prima, durante e dopo una gravidanza

    Che cosa (e quanto) deve mangiare una donna prima, durante e dopo la gravidanza? È questa la domanda alla quale Paola Pileri (esperta di nutrizione della donna in età fertile dell’Ospedale Sacco di Milano) ha tentato di dare risposta durante l’ultima edizione del NutriMi, l’appuntamento annuale di riferimento per tutti i professionisti della salute che operano nel campo dell’alimentazione e della nutrizione.

    I risultati emersi dalle parole dell’esperta sono complesse tessere di un puzzle che, visto nella sua interezza, racconta un fabbisogno alimentare che possiamo suddividere in tre fasi ben distinte.

    Read more...
  • Vegetariani: una questione di scelta?
    Vegetariani: una questione di scelta?

    Un italiano su dieci dice addio alla carne: fa rumore il boom di vegetariani e vegani nel nostro paese. Per cercare di capire più a fondo il mondo di vegetariani e vegani, A Tavola ha intervistato la dott.ssa Luciana Baroni, Presidente della Società Scientifica di Nutrizione Vegetariana.

    Read more...
  • Obesità: quanto ne sappiamo?
    Obesità: quanto ne sappiamo?

    “Era così grasso che al suo sarto, per fargli una giacca, era sufficiente prendere la misura dall’ombelico al pomo d’Adamo, elevarla al quadrato e poi moltiplicarla per 3,14”. Il duo comico Gino & Michele affrontava con la giusta leggerezza il tema del sovrappeso e dell’obesità. Come non dovremmo fare più noi oggi.

    Read more...