Utilizziamo i cookie per migliorare la vostra esperienza sul nostro sito. Navigando questo sito, l'utente accetta di utilizzare i cookie. Accetto?

Obesità: quanto ne sappiamo?

“Era così grasso che al suo sarto, per fargli una giacca, era sufficiente prendere la misura dall’ombelico al pomo d’Adamo, elevarla al quadrato e poi moltiplicarla per 3,14”. Il duo comico Gino & Michele affrontava con la giusta leggerezza il tema del sovrappeso e dell’obesità. Come non dovremmo fare più noi oggi.

obesità, salute, dieta, A Tavola, A Tavola Magazine, 

Leggendo i dati messi in luce dal documento “Il burden of disease dell’obesità in Italia”, realizzato da Italian Barometer Diabetes Observatory (IBDO) Foundation, il 60% degli italiani adulti è obeso o sovrappeso; da un’altra prospettiva, parliamo di oltre 100 mila i nuovi obesi ogni anno.

“La questione è seria, perché nonostante nel comune sentire si tenda a considerare l’eccesso di peso, e persino l’obesità, ancora come una condizione estetica, l’obesità è una vera e propria malattia” – dichiara Antonio Caretto, Presidente ADI, Associazione Italiana di Dietetica e Nutrizione Clinica. “L’obesità è causa di aumentato rischio di diabete, di malattie cardiovascolari e di alcune forme di tumore; inoltre essere sovrappeso ed obesi riduce il benessere psicologico, determina un impatto negativo sulla funzionalità fisica e rappresenta la causa principale di diabete di tipo 2”.

Ancora qualche numero. Le proiezioni dell’OMS (Organizzazione Mondiale della Sanità) per il 2030 danno un quasi raddoppio del numero di persone obese che, se sommate a quelle sovrappeso, costituiranno il 70% della popolazione. In Europa il numero di obesi è triplicato in molti paesi rispetto agli anni ’80 e continua a crescere ad un ritmo allarmante, soprattutto fra i bambini; fra quelli di 11 anni, infatti, uno su tre risulta già in sovrappeso se non obeso. Fra i giovani di sesso maschile al di sotto dei 20 anni l’Italia rappresenta una delle nazioni con più sovrappeso (30%), mentre fra le ragazze la percentuale è di poco inferiore al 20%.

La ricerca scientifica si sta muovendo e nuovi farmaci cosiddetti “intelligenti” (ossia che interagiscono con uno specifico interruttore nel cervello per regolare l’appetito) sono in commercio.

Forse il cambiamento culturale ha preso il via, ma non bisogna abbassare la guardia. I recenti risultati di un altro progetto, “OKkio alla salute”, rivolto ai bambini italiani di 8-9 anni di età, mostra un trend in calo della percentuale di bambini in sovrappeso o obesi. Fra il 2008 e il 2014 il numero di bambini sovrappeso si è ridotta dal 23,2% al 20,9%, mentre quello degli obesi è sceso dal 12% al 9,8%. Si mantiene evidente una differenza geografica, con 1 bambino su 4 obeso al nord e 1 su 3 al sud. Ma al miglioramento generale si associano cambiamenti negli stili di vita. Per quanto riguarda l’alimentazione, “OKkio alla salute” documenta una riduzione della percentuale di bambini che consumano una merenda abbondante e, in misura minore, del consumo di bevande zuccherate. Si registra, inoltre, una riduzione della percentuale di bambini inattivi o con bassi livelli di attività fisica e una riduzione della presenza di TV in camera e del tempo trascorso quotidianamente davanti alla TV. Se si vuole combattere questa malattia, bisogna partire dalle buone abitudini dei nostri piccoli.

Leave a comment

Make sure you enter all the required information, indicated by an asterisk (*). HTML code is not allowed.

Salute - I più recenti

  • Centrifugati e frullati: ecco i loro benefici per la stagione invernale
    Centrifugati e frullati: ecco i loro benefici per la stagione invernale

    Centrifugati e frullati con verdure e frutta di stagione: un toccasana per la nostra salute tra gli sbalzi di temperatura autunnali e i freddi pomeriggi d’inverno. Anche una rassegna importante come Milano Golosaria 2016 se n’è accorta; ed è per questo che è stato dedicato un laboratorio a questi prodotti, semplici e genuini, che possono aiutarci contro i malanni di stagione sempre dietro l’angolo. Anche con qualche curiosità e novità per il palato.
    La chef Teresa Biotti ha presentato tre ricette molto semplici: due centrifugati e un frullato. Vediamoli uno per uno.

    Read more...
  • Le merendine portano al sovrappeso: un mito da sfatare
    Le merendine portano al sovrappeso: un mito da sfatare

    Si mangiano più merendine nel nord Italia, area con la più bassa percentuale di bambini sovrappeso. Si mangiano meno merendine nel sud Italia, regione con la più alta percentuale di obesità infantile.
    Che si tratti di un paradosso è solo un’apparenza. Basta infatti incrociare i dati di due ricerche condotte nel 2014 per capire che la piaga dell’obesità è un problema complesso e non associato al consumo di merendine; infatti stile di vita e abitudini sportive influenzano molto la salute dei nostri figli

    Read more...
  • Cosa mangiare prima, durante e dopo una gravidanza
    Cosa mangiare prima, durante e dopo una gravidanza

    Che cosa (e quanto) deve mangiare una donna prima, durante e dopo la gravidanza? È questa la domanda alla quale Paola Pileri (esperta di nutrizione della donna in età fertile dell’Ospedale Sacco di Milano) ha tentato di dare risposta durante l’ultima edizione del NutriMi, l’appuntamento annuale di riferimento per tutti i professionisti della salute che operano nel campo dell’alimentazione e della nutrizione.

    I risultati emersi dalle parole dell’esperta sono complesse tessere di un puzzle che, visto nella sua interezza, racconta un fabbisogno alimentare che possiamo suddividere in tre fasi ben distinte.

    Read more...
  • Vegetariani: una questione di scelta?
    Vegetariani: una questione di scelta?

    Un italiano su dieci dice addio alla carne: fa rumore il boom di vegetariani e vegani nel nostro paese. Per cercare di capire più a fondo il mondo di vegetariani e vegani, A Tavola ha intervistato la dott.ssa Luciana Baroni, Presidente della Società Scientifica di Nutrizione Vegetariana.

    Read more...
  • Obesità: quanto ne sappiamo?
    Obesità: quanto ne sappiamo?

    “Era così grasso che al suo sarto, per fargli una giacca, era sufficiente prendere la misura dall’ombelico al pomo d’Adamo, elevarla al quadrato e poi moltiplicarla per 3,14”. Il duo comico Gino & Michele affrontava con la giusta leggerezza il tema del sovrappeso e dell’obesità. Come non dovremmo fare più noi oggi.

    Read more...