Utilizziamo i cookie per migliorare la vostra esperienza sul nostro sito. Navigando questo sito, l'utente accetta di utilizzare i cookie. Accetto?

Le merendine portano al sovrappeso: un mito da sfatare

Si mangiano più merendine nel nord Italia, area con la più bassa percentuale di bambini sovrappeso. Si mangiano meno merendine nel sud Italia, regione con la più alta percentuale di obesità infantile.
Che si tratti di un paradosso è solo un’apparenza. Basta infatti incrociare i dati di due ricerche condotte nel 2014 per capire che la piaga dell’obesità è un problema complesso e non associato al consumo di merendine; infatti stile di vita e abitudini sportive influenzano molto la salute dei nostri figli


La prima ricerca, un’indagine di Okkio alla salute sulla diffusione geografica del sovrappeso e dell’obesità infantile, mostra come nel nord Italia la percentuale (seppur alta) di bambini con problemi di peso si fermi al 24,7%. Situazione ben diversa nel sud, dove la percentuale sale fino a un preoccupante 37,8%.


La seconda indagine, che ci permette di formulare una prima considerazione sul tema dell’obesità infantile, è stata portata avanti dall’IRI sul consumo di merendine in Italia. I risultati parlano chiaro: nel nord si consumano 2,2 kg di merendine all’anno per persona, nel sud 1,6 kg.


“Non è corretto – spiega Michelangelo Giampietro, nutrizionista e medico dello sport – demonizzare le merendine additandole come responsabili di sovrappeso e obesità infantile. I dati incrociati di queste due ricerche confermano quello che molti nutrizionisti sostengono da anni: non esistono cibi buoni e cattivi, tutto dipende dalle quantità consumate e soprattutto dagli stili di vita. Il sovrappeso e l’obesità sono infatti il risultato di un’alimentazione squilibrata nel suo complesso e di una tendenza a “consumare”, grazie al movimento e all’attività fisica, che va sempre più diminuendo. Da questo punto di vista, il fatto che nel nord Italia i bambini siano più attivi e consumino più frutta e verdura figura proprio come una riprova del fatto che il peso dei bambini dipende da molti fattori, culturali e sociali, e che il consumo di merendine non risulta affatto centrale”.


Già, stile di vita, sport e consumo di frutta e verdura; temi da affrontare per sfatare un mito e gettare acqua sul fuoco circa la demonizzazione delle merendine.
Per quanto riguarda frutta e verdura, sempre l’’indagine Okkio alla salute mostra che nel nord il 78,4% ne consuma una quantità adeguata, mentre nel sud il dato scende di ben il 10%. Un’attività fisica regolare, invece, è praticata dal 54,4% dei bambini del nord, contro un più basso 41,7% nel sud. Infine, solo 27% dei bambini del nord trascorre più di due ore davanti alla tv o ai videogiochi, contro un allarmante 46,2% dei giovani del sud.

“Da questo punto di vista – prosegue Giampietro – si conferma che le merendine possono essere proposte ai bambini perché sono prodotti caratterizzati da un modesto contenuto di calorie (vanno infatti alle 110 delle più semplici fino alle 180-200 delle più ricche, ndr) e coprono in media tra il 6 e il 7% della quantità di energia raccomandata ogni giorno a bambini e ragazzi. Per i ragazzi che fanno sport, le merendine possono rappresentare una valida alternativa agli integratori energetici, da consumare prima o dopo l’allenamento”.

Leave a comment

Make sure you enter all the required information, indicated by an asterisk (*). HTML code is not allowed.

Salute - I più recenti

  • Pistacchi: 8 buone ragioni per inserirli nella lista della spesa

    pistacchi, salute, buon umore,

    Possiamo chiamarlo lo snack del buonumore. Il pistacchio, ricco di triptofano (spiegheremo più avanti le proprietà benefiche di questa sostanza), influenza positivamente l’umore e aiuta a controllare la fame nervosa. Antistress ed energetico, il pistacchio è un alimento che dà lo sprint!

    Read more...
  • La formula della longevità: ecco le 7 regole d’oro

     

    salute, longevità, Danacol, antinvecchiamento

    Sono 7 le regole d’oro della longevità presentate a Milano nel contesto del progetto “Viaggio al Cuore del Problema”, promosso dai Medici del Policlinico Universitario A. Gemelli di Roma e dai Ricercatori dell’Università Cattolica del Sacro Cuore con il supporto incondizionato di Danacol.

    Read more...
  • Centrifugati e frullati: ecco i loro benefici per la stagione invernale
    Centrifugati e frullati: ecco i loro benefici per la stagione invernale

    Centrifugati e frullati con verdure e frutta di stagione: un toccasana per la nostra salute tra gli sbalzi di temperatura autunnali e i freddi pomeriggi d’inverno. Anche una rassegna importante come Milano Golosaria 2016 se n’è accorta; ed è per questo che è stato dedicato un laboratorio a questi prodotti, semplici e genuini, che possono aiutarci contro i malanni di stagione sempre dietro l’angolo. Anche con qualche curiosità e novità per il palato.
    La chef Teresa Biotti ha presentato tre ricette molto semplici: due centrifugati e un frullato. Vediamoli uno per uno.

    Read more...
  • Le merendine portano al sovrappeso: un mito da sfatare
    Le merendine portano al sovrappeso: un mito da sfatare

    Si mangiano più merendine nel nord Italia, area con la più bassa percentuale di bambini sovrappeso. Si mangiano meno merendine nel sud Italia, regione con la più alta percentuale di obesità infantile.
    Che si tratti di un paradosso è solo un’apparenza. Basta infatti incrociare i dati di due ricerche condotte nel 2014 per capire che la piaga dell’obesità è un problema complesso e non associato al consumo di merendine; infatti stile di vita e abitudini sportive influenzano molto la salute dei nostri figli

    Read more...
  • Cosa mangiare prima, durante e dopo una gravidanza
    Cosa mangiare prima, durante e dopo una gravidanza

    Che cosa (e quanto) deve mangiare una donna prima, durante e dopo la gravidanza? È questa la domanda alla quale Paola Pileri (esperta di nutrizione della donna in età fertile dell’Ospedale Sacco di Milano) ha tentato di dare risposta durante l’ultima edizione del NutriMi, l’appuntamento annuale di riferimento per tutti i professionisti della salute che operano nel campo dell’alimentazione e della nutrizione.

    I risultati emersi dalle parole dell’esperta sono complesse tessere di un puzzle che, visto nella sua interezza, racconta un fabbisogno alimentare che possiamo suddividere in tre fasi ben distinte.

    Read more...