Utilizziamo i cookie per migliorare la vostra esperienza sul nostro sito. Navigando questo sito, l'utente accetta di utilizzare i cookie. Accetto?

Skin ADV

Pistacchi: 8 buone ragioni per inserirli nella lista della spesa

pistacchi, salute, buon umore,

Possiamo chiamarlo lo snack del buonumore. Il pistacchio, ricco di triptofano (spiegheremo più avanti le proprietà benefiche di questa sostanza), influenza positivamente l’umore e aiuta a controllare la fame nervosa. Antistress ed energetico, il pistacchio è un alimento che dà lo sprint!

Secondo alcuni studi condotti negli Stati Uniti, il consumo di pistacchi in una dieta bilanciata può aiutare anche a contrastare le sensazioni di malinconia e i cali dell’umore. Aggiungere quindi i pistacchi nell’alimentazione può contribuire al benessere mentale e ad abbassare i livelli di stress, poiché fonte di nutrienti benefici per la salute del corpo e della mente.

Tra le sostanze capaci di migliorare l’umore conosciamo la serotonina, che possiamo definire “l’ormone della calma e della serenità”, sostanza creata nel nostro organismo da un aminoacido assunto attraverso alcuni alimenti: il triptofano. I pistacchi sono una buona fonte di triptofano e per questo possono influenzare positivamente l’umore. Aggiungere quindi i pistacchi ad altre sostanze che aiutano a sviluppare la serotonina (il più noto è certamente il cacao!) porta a notevoli benefici.

Ecco 8 buoni motivi per inserire i pistacchi nella lista della spesa:

1. Anti-stress. I pistacchi hanno una grande riserva di magnesio e vitamine del gruppo B: queste sostanze, se carenti nella nostra alimentazione, innescano una sensazione di fatica che, sommata alle sollecitazioni spesso negative ricevute durante la giornata, contribuiscono ad aumentare i livelli di stress;

2. Migliorano l’umore. Come detto, pistacchio vuol dire triptofano, e triptofano significa serotonina, sostanza che aiuta l’umore. Spesso, bassi livelli di serotonina possono essere associati a stati depressivi, ed è stato provato come diete che prevedono la frutta secca a guscio sono associate a minor rischio di depressione;

3. Stabilizzano il metabolismo. È noto che alte concentrazioni di zuccheri nel sangue sono una condizione da evitare. I pistacchi ci vengono in soccorso, infatti non causano questi picchi potenzialmente pericolosi. È bene ricordare che i nutrizionisti sottolineano sempre come avere spesso picchi di zuccheri nel sangue predisponga al diabete di tipo 2 e al rischio di malattie cardiache;

4. Controllano l’appetito. 28 grammi di pistacchi (circa 50) sommano solo 160 calorie: basta questa dose per frenare il desiderio di altri spuntini meno sani;

5. Ricchi di nutrienti. Una manciata di pistacchi apporta circa il 20% del fabbisogno giornaliero di vitamina B6 (utile, tra l’altro, nel prevenire la difficoltà di concentrazione e l’insonnia) oltre che una quantità importante di fosforo, magnesio e potassio;

6. Una carica di antiossidanti. I pistacchi sono ricchi di antiossidanti, sostanze che possono proteggere le cellule contro gli effetti dei radicali liberi, dannosi a livello cardiaco per esempio o nell’artrite reumatoide;

7. Un pieno di proteine. Una porzione di pistacchi contiene 6 grammi di proteine, il 12% del fabbisogno giornaliero. Le proteine sono importanti per la riparazione e il rinnovamento dei tessuti del corpo e per costruire e mantenere la massa muscolare;

8. Una buona fonte di fibre. Una porzione di pistacchi da 30 g fornisce 3 grammi di fibre, ovvero il 10% del fabbisogno giornaliero. Le fibre aiutano, tra l’altro, a mantenere una sensazione di sazietà più a lungo.

Infine vi proponiamo una breve e facile ricetta per gustare in modo sano e divertente i pistacchi. La ricetta è una proposta di Christian Milone, chef della Trattoria Zappatori di Pinerolo, provincia di Torino.

Carne cruda con emulsione ai pistacchi aromatizzata

Ingredienti  per 4 persone

300g carne cruda di Fassona battuta al coltello  
Per l'emulsione: 1 tuorlo d'uovo - 50g di olio di pistacchi - 50g di acqua
Polveri di frutta liofilizzata (cassis, albicocca, yuzu) q.b.
Foglie miste aromatiche di stagione (ad esempio pimpinella, senape, tetragonia, barbabietola, ecc.)

Procedimento
Emulsionare il tuorlo con l'olio di pistacchi e un pizzico di sale. Aggiungere l'acqua e conservare in frigo. Per l'impiattamento condire la carne con poco sale e pepe nero. Disporre l'emulsione, le polveri e le foglie in modo armonico nel piatto.

Leave a comment

Make sure you enter all the required information, indicated by an asterisk (*). HTML code is not allowed.

Salute - I più recenti

  • Pistacchi: 8 buone ragioni per inserirli nella lista della spesa

    pistacchi, salute, buon umore,

    Possiamo chiamarlo lo snack del buonumore. Il pistacchio, ricco di triptofano (spiegheremo più avanti le proprietà benefiche di questa sostanza), influenza positivamente l’umore e aiuta a controllare la fame nervosa. Antistress ed energetico, il pistacchio è un alimento che dà lo sprint!

    Read more...
  • La formula della longevità: ecco le 7 regole d’oro

     

    salute, longevità, Danacol, antinvecchiamento

    Sono 7 le regole d’oro della longevità presentate a Milano nel contesto del progetto “Viaggio al Cuore del Problema”, promosso dai Medici del Policlinico Universitario A. Gemelli di Roma e dai Ricercatori dell’Università Cattolica del Sacro Cuore con il supporto incondizionato di Danacol.

    Read more...
  • Centrifugati e frullati: ecco i loro benefici per la stagione invernale
    Centrifugati e frullati: ecco i loro benefici per la stagione invernale

    Centrifugati e frullati con verdure e frutta di stagione: un toccasana per la nostra salute tra gli sbalzi di temperatura autunnali e i freddi pomeriggi d’inverno. Anche una rassegna importante come Milano Golosaria 2016 se n’è accorta; ed è per questo che è stato dedicato un laboratorio a questi prodotti, semplici e genuini, che possono aiutarci contro i malanni di stagione sempre dietro l’angolo. Anche con qualche curiosità e novità per il palato.
    La chef Teresa Biotti ha presentato tre ricette molto semplici: due centrifugati e un frullato. Vediamoli uno per uno.

    Read more...
  • Le merendine portano al sovrappeso: un mito da sfatare
    Le merendine portano al sovrappeso: un mito da sfatare

    Si mangiano più merendine nel nord Italia, area con la più bassa percentuale di bambini sovrappeso. Si mangiano meno merendine nel sud Italia, regione con la più alta percentuale di obesità infantile.
    Che si tratti di un paradosso è solo un’apparenza. Basta infatti incrociare i dati di due ricerche condotte nel 2014 per capire che la piaga dell’obesità è un problema complesso e non associato al consumo di merendine; infatti stile di vita e abitudini sportive influenzano molto la salute dei nostri figli

    Read more...
  • Cosa mangiare prima, durante e dopo una gravidanza
    Cosa mangiare prima, durante e dopo una gravidanza

    Che cosa (e quanto) deve mangiare una donna prima, durante e dopo la gravidanza? È questa la domanda alla quale Paola Pileri (esperta di nutrizione della donna in età fertile dell’Ospedale Sacco di Milano) ha tentato di dare risposta durante l’ultima edizione del NutriMi, l’appuntamento annuale di riferimento per tutti i professionisti della salute che operano nel campo dell’alimentazione e della nutrizione.

    I risultati emersi dalle parole dell’esperta sono complesse tessere di un puzzle che, visto nella sua interezza, racconta un fabbisogno alimentare che possiamo suddividere in tre fasi ben distinte.

    Read more...